Autore: Fabio Di Felice

Il primo febbraio 2019 erano parecchi i videogiocatori che si erano fatti una bella risata. Come da tradizione, i pesci d’aprile videoludici non si erano fatti aspettare, e tra questi ce n’erano alcuni veramente esilaranti (Senior et al, 2019). Per esempio c’era il finto spot di un home assistant realizzato sulle fattezze di un boss di Final Fantasy XIV (2013), Omega, oppure la news che i minions, i conigli fuori di testa di Ubisoft, sarebbero stati personaggi giocanti all’interno di For Honor (2017), il simulatore di botte medievali. Tra le più divertenti c’era anche lo screenshot di una visual novel…

Continua a leggere

Credo che la Loggia Nera sia un luogo interdimensionale molto accogliente. Nascosta da un lussuoso tendaggio rosso, è retroscena della realtà ma anche palcoscenico dei sogni. Con il suo pavimento a zig zag, le poltrone di pelle usurate, due lampade a stelo e un’opera d’arte sullo sfondo, quasi dimenticata, quasi elemento di scena. Un luogo liminale, diremmo oggi, un passaggio infinito verso chissà dove. Quando David Lynch l’ha pensata per la prima volta, era appoggiato al telaio bollente della sua auto appena spenta, in una fredda serata invernale. L’ha raccontato in un’intervista, volendo forse intendere che gli ricordava una sensazione…

Continua a leggere

Per parlarvi di World of Horror, titolo indie dall’aspetto peculiare e dalla storia editoriale molto affascinante, mi tocca fare prima un passo indietro e raccontarvi di un ben noto mangaka giapponese di sessant’anni che si chiama Junji Ito e che con il progetto non ha nulla a che fare. Perlomeno non direttamente. C’è questo racconto che mi piace particolarmente nella sterminata produzione horror di Ito, si chiama Palloncini appesi. Se non conoscete Ito queste poche pagine ve lo riassumono perfettamente: un giorno, senza alcun apparente motivo, il cielo si riempie di palloncini che in realtà sono teste fluttuanti con le…

Continua a leggere